Vera e propria “rivoluzione” nel mondo del turismo è l’Albergo Diffuso, conosciuto anche come Hotel diffuso; la nascita di questo particolarissimo modello ricettivo la si deve al professor Giancarlo Dall’Ara, esperto e docente di marketing turistico, il quale inventò un concept un po’ casa e un po’ albergo”. L’origine di questo particolarissimo tipo di albergo è nel nord-est, in particolare il Friuli-Venezia Giulia, dove all’inizio degli anni ’80 si pensò di valorizzare le case che venivano man mano ristrutturate dopo il terremoto del 1976; successivamente l’idea fa breccia anche in altre regioni tra cui la Sardegna, dove viene riconosciuto ufficialmente nel 1998 con una legge regionale, e poi in Puglia, Molise, Abruzzo ecc…

Ma che cos’è in sostanza l’Albergo Diffuso? A differenza di un normale hotel, le varie strutture (reception, camere, sala colazione/pranzo) sono dislocate in immobili diversi facenti parte, spesso, dello stesso nucleo urbano; in pratica è un sistema orizzontale, e non verticale quindi, che vede, per fare un esempio, la hall situata in un immobile diverso da quello dove si trovano le camere.

Un sistema questo che permette di offrire ai clienti un servizio alberghiero completo di tutto quanto ci si aspetta, senza necessariamente costruire ex novo una o più strutture apposite. Notevoli sono i vantaggi dell’Albergo Diffuso soprattutto in quei piccoli centri i quali vedono così valorizzare il proprio territorio, sfruttandolo turisticamente, e unendo al tutto il mantenimento degli immobili già esistenti. Vantaggi sul territorio che non finiscono qua: infatti, se opportunamente integrato in una visione più completa dell’accoglienza turistica, l’Albergo Diffuso può benissimo divenire una sorta di punto focale, non solo per il settore turistico, ma anche, per esempio, per gli esercizi commerciali presenti in questo contesto.

Soggiornare in un Albergo Diffuso che non si limita al classico dormire+pasto, ma che, avendo come principio cardine quello di essere presente per lo più in piccoli borghi rurali, dà l’opportunità ai clienti di vivere, per così dire, a contatto con i residenti andando quindi a crearsi un’interazione particolare. Risulta così facilmente comprensibile come l’Hotel Diffuso vada ad intercettare la richiesta del cosiddetto turismo sostenibile e responsabile; turismo che ben si sposa quindi con i principi dell’Albergo Diffuso il quale si fonda non sulla “semplice” vacanza, piuttosto su esperienze di vita quotidiana che permettono, come detto poco sopra, un’osmosi tra abitante del luogo e vacanziere.

Il concept di Albergo Diffuso ha visto nascere con il tempo alcune varianti: il Paese Albergo, il Residence Diffuso e l’Albergo Diffuso di campagna. Nel primo tipo, che è una sorta di networking, è l’intero paese o centro storico che viene coinvolto; le stanze, le case, oltre che i ristoranti e gli spazi comuni messi a disposizioni dei clienti vanno a formare una rete centralizzata, ma che lascia indipendenza alle singole attività.

Il Residence diffuso è una serie di strutture ricettive extra alberghiere che forniscono alloggio in più unità abitative, assieme ai servizi di accoglienza e di assistenza, situate all’interno di un unico territorio comunale, integrate tra loro dalla centralizzazione dell’ufficio ricevimento. In sostanza è una struttura caratterizzata da un sistema di prenotazione centralizzato, ma la rete è gestita unitariamente.

L’Albergo diffuso di campagna rispetta gli stessi criteri dei due precedenti, ma la sua attività si estende oltre i confini di un borgo andando quindi ad interessare un’intera area.

Come detto pocanzi le primissime esperienze italiane di Albergo Diffuso furono in Fiuli Venezia Giulia, a Sauris, e poi a Bosa in Sardegna, andando poi ad estendersi nel centro, specificatamente in Abruzzo dove è presente il Sexantio che ha visto recuperare il borgo di Santo Stefano di Sessanio. Vi sono poi, nella suggestiva location dei Sassi di Matera, le Grotte della Civiltà dove sono ricavate 18 camere. Per scoprire tutte le altre proposte di Albergo Diffuso lungo il nostro Paese, e non solo, potete consultare il sito ufficiale dell’Associazione Nazionale Alberghi Diffusi dove si possono trovare tutte le informazioni del caso, sia che siate intenti ad organizzare una vacanza, sia che stiate pensando ad entrare nel mondo, sempre più dinamico, dell’Albergo Diffuso.