Se avete bisogno di una scarica di adrenalina i ponti tibetani fanno per voi! Attraversare una di queste strutture è un qualcosa di indescrivibile vuoi per le sensazioni uniche che si possono provare (brivido, paura, emozione ecc…), vuoi per la meraviglia del panorama che spesso circonda un ponte tibetano.

In Italia e nel mondo ce ne sono ormai tantissimi, uno più caratteristico dell’altro, meritevoli di essere percorsi; ne abbiamo selezionati alcuni ritenuti i più belli ed emozionanti. E allora, vertigini permettendo, iniziamo l’attraversamento dei migliori ponti tibetani del mondo!

Cominciamo questo nostro excursus dal Piemonte dove c’è addirittura il ponte tibetano più lungo del mondo! E’ situato a Cesana Claviere ed è lungo ben 544 metri snodandosi lungo le Gorge di San Gervasio dove scorre il Piccola Dora, affluente del Po.

Se quello piemontese è il più lungo del pianeta, in Valtellina c’è il più alto d’Europa; chiamato, non a caso, Ponte del Cielo è ubicato a ben 140 metri di altezza tra Frasnino e Campo Tartano, i due versanti della Val Tartano, ed ha una lunghezza di circa 230 metri.

Spostiamoci più a sud ed in particolare in provincia di Pistoia, a San Marcello Piteglio, per camminare sul Ponte delle Ferriere che misura quasi 230 metri di lunghezza ed ha un’altezza massima di 36 metri; la particolarità di questo ponte è di essere stato costruito del 1923 ottenendo, nel 1990, il primato di ponte sospeso più lungo del mondo.

In Molise, a Roccamandolfi, si può provare l’emozione del camminare sospesi, tra il verde delle foreste e le pareti di rocce, lungo un ponte di 140 metri di lunghezza che attravresa il canyon del fiume Callora.

Il Ponte della Luna, situato in Basilicata ai piedi del borgo di Sasso Castalda, è lungo 120 metri e conduce alle rovine del castello del paese dove ad attendervi c’è una vera e propria terrazza che regala un panorama mozzafiato sulle montagne attorno.

Usciamo dal nostro Belpaese e andiamo nella vicina Svizzera per attraversare il Charles Kuonen Hängebrücke; questo affascinante ponte si trova a Randa, in Vallese, ed ha le seguenti caratteristiche tecniche: quasi 500 metri di lunghezza, 85 di altezza e solo 65 cm. di larghezza! Il fascino di attraversarlo è indescrivibile visto che si trova lungo la via panoramica Europaweg ad un’altitudine media di quasi 2000 metri!

Voliamo nella sterminata Russia, in particolare a sud a Sochi, per camminare lungo il Sochi Skybridge che ha una lunghezza di circa 440 metri ed un’altezza massima di oltre 200 metri! Questa struttura è stata aperta nel 2014 ed è una vera e propria attrazione turistica oltre ad essere un punto di riferimento per gli amanti del bungee jumping; impareggiabile è la vista sul Mar Nero e sulle vette del Caucaso. Ancora in Russia, in Crimea questa volta, si trova quello che è considerato come uno dei ponti tibetani più paurosi del mondo; si trova sul cucuzzolo del monte Ai-Petri e deve la sua fama al fatto di essere situato in una location selvaggia dove regnano venti molto forti. Se poi ci aggiungiamo la presenza della nebbia capiamo del perché di tale fama…

Nelle Filippine non bisogna perdersi il ponte che si trova sull’Isola di Bohol il quale è costruito in bambù e corda; 50 metri di ponte capace di offrire una vista meravigliosa sul sottostante fiume Sipatan.

In Malesia merita senza dubbio il Langkawi Sky Bridge che ha la particolarità di avere la forma curva; è lungo 125 metri e si trova a circa 600 metri di altezza sulla cima del Gunung Mat Cincang.

Finiamo il nostro tour asiatico con il Giappone dove, nella regione della Valle di Iya sull’Isola Shikoku, sono presenti numerosi ponti realizzati in legno; uno di questi è il Kazurabashi che è considerato un bene culturale vero e proprio.

Anche l’Africa è presente in questo particolare tour: in Ghana c’è l’Ebony Trail che è una sorta di percorso lungo circa 350 metri composto da ben sette ponti fatti di corda ad un’altezza di circa 40 metri; in Madagascar da non perdere è il Tsingy, all’interno di una riserva naturale, il quale è sospeso su delle particolari rocce aguzze chiamate appunto Tsingy.

___________

In apertura un’immagine del Langkawi Sky Bridge in Malesia