Inaugurazione Villa Gaia. L’evento del 23 dicembre con Women Of Change Italia come connettore tra importanti realtà contro le disuguaglianze e la violenza di genere.


EVENTO on line il 23 dicembre 2021 alle ore 18:00

Per seguire l’evento collegati al link qui sotto:

https://us02web.zoom.us/j/81177547719?pwd=OUZhRzFwWGZqUWs5MVM2ZHdudnU2Zz09

con le seguenti credenziali:

ID riunione: 811 7754 7719

Passcode: 339069

Women Of Change Italia continua il proprio impegno partecipando al grande evento in programma il 23 dicembre per l’inaugurazione di Villa Gaia, casa di accoglienza per donne vittime di violenza.
Un evento fondamentale in un anno in cui, a causa della pandemia, si sono registrati innumerevoli casi di violenza contro le donne; l’inaugurazione di Villa Gaia, non una casa di accoglienza in senso classico, è un luogo solidale auto-sostenibile in cui ospitare donne vittime di violenza e con bambini, in difficoltà economica e sociale per riprogettare insieme a loro una nuova vita personale e professionale per una “rinascita” all’insegna di Serenità, Autonomia e Dignità. “Nessuno si salva da solo”, “E’ il tempo del Noi” ha scritto Papa Francesco.
Women Of Change nella persona di Anita Falcetta, fondatrice del movimento WOC Italia, ha svolto il fondamentale ruolo di connettore tra Fondazione Villa Gaia e Autostrade per l’Italia che ha sostenuto concretamente l’iniziativa con una donazione consentendo l’apertura di un tavolo che fosse proficuo e strutturato rispetto al grande progetto che si sta costruendo da mesi.
L’evento ospita, per i saluti iniziali la Ministra Elena Bonetti, l’AD di Autostrade per l’Italia e il management HR con il Direttore Human Capital Gian Luca Orefice e la Responsabile welfare Diversity & Inclusion di Aspi Alessia Ruzzeddu ed Anita Falcetta di WOC Italia.
Il progetto Villa Gaia si concilia con Caschi Rosa, iniziativa umanitaria degli Stati Generali delle Donne e dell’Alleanza delle Donne, progetto a favore delle giovani donne afghane, anch’esso sostenuto da Women Of Change Italia nell’ambito dell’Alleanza.
A tal proposito Anita Falcetta: “Il cambiamento alla base della società può avvenire soltanto attraverso il gioco di squadra. Women Of Change è promotore della cooperazione tra organi diversi con il fine ultimo di produrre una concreta rivoluzione delle cose. Villa Gaia vuole essere un luogo e un centro di rigenerazione per tutte le donne che vivono un momento di difficoltà”.
Nasceranno molti progetti all’interno di Villa Gaia: avremo da subito un “Centro di documentazione e di ricerca sul lavoro delle donne” con la dotazione di un importante fondo di manoscritti, libri e materiale vario sul movimento delle donna dal 1970 ad oggi a cura di Marta Ajò e una Biblioteca di genere, entrambi  in collegamento telematico  con altri luoghi in Italia.
Sarà l’occasione anche per un aggiornamento dei progetti in corso, in particolare dei Caschi Rosa, un progetto a favore delle giovani donne afghane.
La quarta gamba della sostenibilità è la cultura, la cultura delle donne protagoniste della rinascita dell’Italia.
A difesa della gender equality e contro ogni discriminazione di genere, Women of Change Italia ha contestualmente creato una relazione tra il collegio di merito Villa Nazareth e la stessa Autostrade per l’Italia che ha mostrato il suo impegno attraverso due borse di studio per le studentesse straniere in condizioni di fragilità.
Women Of Change Italia, sempre nella logica del networking produttivo e sociale, in collaborazione con altre importanti realtà, di recente ha prodotto, attraverso la diffusione dello spot #storobbingwomen per la parità salariale, un grande tam tam sui social contribuendo a creare nel dibattito pubblico e sociale una riflessione importantissima in un momento di grandi cambiamenti. La violenza di genere è strettamente connessa alla disparità salariale e alla dipendenza economica.

Avatar
About Author

Redazione Tendenze di Viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *