Ripercorriamo la storia dell’innovazione portata da Stefano Callegari, insieme al foodblogger Matteo Di Cola di “ItalyFoodPorn”

Era il 2005 quando Stefano Callegari, romano ed esperto nell’arte pizzaiola, inventò una di quelle rivoluzioni in ambito culinario destinata a scrivere ricordi nella mente di chi lo ha assaggiato almeno una volta: Il Trapizzino.

Il Food Blogger Matteo Di Cola con Stefano Callegari

Il Trapizzino, ovvero una fusione tra tramezzino e pizza, ha oggi una storia ben consolidata con punti vendita in tutta Italia, primi fra tutti gli ormai storici locali romani.

A farci scoprire il punto vendita di Piazza Trilussa è Matteo Di Cola, il 23enne food blogger e creatore di contenuti romano che con il suo video, insieme al simpatico Stefano, racconta la storia e le origini di quella che è ormai una realtà ben nota, per romani e non.

Stefano è secondo me e secondo molti altri un monumento delle farine a Roma ed è probabilmente una delle persone più umili che io abbia incontrato nel mio percorso da food influencer negli ultimi 4 anni” ci racconta il food blogger Matteo Di Cola.

Nel video i due ripercorrono la genesi dell’idea che ha portato una novità tra i piatti tipici della tradizione romana con i quali Stefano combina, all’interno del suo Trapizzino, per creare ogni giorno nuovi strabilianti accoppiamenti.

Tra i più famosi, come spiega il (tra)pizzaiolo, ci sono sicuramente quelli ripieni con pollo alla cacciatora, polpette o melanzane alla parmigiana; passando per quelli con la trippa o con la coda alla vaccinara, arrivando poi ai mix dal sapore internazionale come quello chiamato scherzosamente “Trabissino” da Stefano. Cioè il Trapizzino con lo Zighinì, ovvero carne di manzo cotta con Berberé, la miscela di spezie etiope dal carattere piccante con l’aggiunta di pomodoro e cipolla: il più conosciuto dei piatti africani, retaggio del colonialismo italiano in Etiopia, Somalia ed Eritrea.

Materie prime eccelse, ricette tradizionali, ottimo rapporto qualità prezzo, sono la base di quello che è sicuramente uno dei franchising meno inflazionati in Italia.

Avatar
About Author

Redazione Tendenze di Viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *