25 novembre: Marea fucsia al Circo Massimo per Giulia e per tutte – Un’onda di solidarietà e impegno per la lotta contro la violenza di genere

Il corteo dell'associazione contro la violenza sulle donne, Roma, 25 Novembre 2023. Activists of 'Non una di meno' protest at Circo Massimo square as part of the international day to end violence against women in Rome, Italy, 25 November 2023. Italy on 25 November marks the International Day for the Elimination of Violence Against Women amid the backdrop of ongoing public anger and dismay over the murder of 22-year-old Giulia Cecchettin by her ex boyfriend Filippo Turetta on 11 November, the latest of a long string of femicides and other acts of gender-based violence in the country. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Migliaia di persone in piazza contro la violenza sulle donne

Con uno striscione che recita “Transfemministe ingovernabili”, è partito dal Circo Massimo il corteo di Non una di meno contro la violenza sulle donne, diretto a San Giovanni. La manifestazione è stata aperta dallo spezzone dei centri antiviolenza, che hanno sottolineato come oggi siano i maschi a stare dietro. Anche una delegazione dei palestinesi ha partecipato alla sfilata.

La Capitale si mobilita per la Giornata internazionale contro la violenza di genere e “Non Una di Meno” ha chiamato la marea fucsia in piazza per l’ottavo anno consecutivo, “con più rabbia che mai”. Migliaia di persone si sono già riunite, con il volto segnato di rosso o con fazzoletti al collo, per ricordare Giulia e tutte le vittime di femminicidio. Hanno urlato in coro “ci vogliamo vive, contro il patriarcato” e hanno criticato le misure “insoddisfacenti” del governo. La marea fucsia è partita dal Circo Massimo per raggiungere piazza San Giovanni.

“Questa è una piazza politica. La questione della violenza è politica”, ha dichiarato un’attivista durante una conferenza stampa. “Il nostro grido è ‘Ci vogliamo vive e libere’. Siamo qui oggi in un momento complesso. Il tema è tornato alla ribalta con il femminicidio di Giulia. C’è stata un’unità di intenti, ma non basta dire di essere contro la violenza. Non bastano misure di sicurezza. Servono misure concrete e non superficiali”, ha sottolineato. Quest’anno, il movimento transfemminista si è mobilitato in due città, Roma e Messina, per permettere a più persone possibile di partecipare e organizzarsi contro la violenza patriarcale. La mobilitazione nazionale del 25 novembre non vuole essere solo una commemorazione delle vittime di femminicidio, ma un punto di concentrazione della rivolta contro la violenza strutturale che colpisce le nostre vite.

Durante la conferenza stampa, un’attivista di Non Una Di Meno ha espresso solidarietà alle donne israeliane che sono state aggredite e stuprate. Ha citato la Palestina perché c’è una feroce aggressione contro i civili in corso e un’occupazione che dura da anni. L’Onu ha definito Israele uno Stato di occupazione. La guerra è l’espressione più alta del patriarcato, dove lo stupro viene utilizzato per il controllo. Questo è stato fatto sicuramente da Hamas, ma anche da altri eserciti, come il nostro in Somalia.

Articolo originale: ANSA