Altro che Sicilia e Sardegna: questa è la Regione italiana più amata nel mondo: è insospettabile

Regione italiana più amata nel mondo -Tendenzediviaggio.it

Regione italiana più amata nel mondo -Tendenzediviaggio.it (Fonte Adobe Stock)

Se credi che le Regioni maggiormente quotate in Italia dagli stranieri siano le Isole maggiori, ti sbagli di grosso: ecco qual è la meta più ambita.

Ogni italiano che si rispetti non può che declamare costantemente la bellezza del proprio Paese natale. E, in effetti, l’Italia è un autentico museo a cielo aperto, che mescola bellezze naturali e scorci impareggiabili a centri urbani intrisi di storia antica e impreziositi da monumenti, rovine e palazzi storici dal valore inestimabile.

Con il suoi interminabili chilometri di costa, le alte montagne innevate, i laghi, i fiumi, le terme, i musei e i piccoli borghi arroccati sulle colline, il Belpaese attrae ogni anno milioni di visitatori e, secondo l’opinione pubblica, le mete più gettonate sono Sicilia, Sardegna, oltre che le città d’arte come Venezia, Torino e Roma.

Una recente statistica redatta dalla rivista Travel + Leisure, però, smentisce tale impressione, e mette al primo posto una Regione assolutamente sottostimata.

Si tratta, a sorpresa, dell’Abruzzo. Scopriamo perché i turisti (soprattutto quelli americani) l’hanno collocata in cime alla loro lista di preferenze.

Abruzzo, la meta privilegiata dal turismo internazionale

L’Abruzzo, situato nel cuore dell’Italia, è recentemente svettato al primo posto nella classifica delle Regioni più visitate dagli stranieri, nonostante sia spesso snobbato dagli italiani stessi. Qui, infatti, è possibile ammirare la Costa dei Trabocchi, una lingua  di 70 chilometri caratterizzata da antiche piattaforme di pesca in legno (per l’appunto, i trabocchi), e alcune di esse sono state convertite negli anni in pittoreschi ristoranti a picco sul mare.

Inoltre, questa Regione accoglie il Parco Nazionale della Majella, che offre ai visitatori suggestivi percorsi in mezzo alla natura, montagne spettacolari e borghi incontaminati, come Rocca Calascio. Come se non bastasse, è possibile accedere anche al Parco Nazionale del Gran Sasso, chicca naturalistica che ospita un variegato assortimento di flora e fauna degno delle pagine del National Geographic. E che dire del suggestivo capoluogo, L’Aquila, ricco di storia e di arte intessute nei vicoli stessi della città? Qui i turisti possono ammirare la Basilica di Santa Maria di Collemaggio, tempio della misericordia e del perdono, e l’imponente Forte Spagnolo, location ideale per servizi fotografici memorabili. Infine, si ha anche la possibilità di visitare la gemma medievale di Vasto, una cittadina venata da strade pittoresche e dotata di un’incantevole vista panoramica.

Trabocco in Abruzzo - Tendenzediviaggio.it
Trabocco in Abruzzo – Tendenzediviaggio.it (Fonte Adobe Stock)

Cosa si mangia in Abruzzo

L’Abruzzo vanta anche una ricca offerta enogastronomica, a partire dall’insaccato regionale, la ventricina, saporita, corposa e perfetta per gli aperitivi. Imperdibili anche gli arrosticini di pecora o agnello cotti alla brace, e i maccheroni alla chitarra, tipici della zona. Gli amanti del pesce, invece, possono assaggiare il caratteristico brodetto, insaporito da pomodoro e peperoncino.

E non dimentichiamo i vini: l’Abruzzo soddisfa il palato dei visitatori con calici di fragrante Montepulciano, rosso corposo perfetto per i pasti, ma non mancano anche le qualità di bianco, ovvero il Trebbiano e il Pecorino, serviti rigorosamente freschi da frigo.