Donne che aiutano donne: il nuovo volontariato contro la violenza di genere

Manifestazione delle attiviste di "Non una di meno" per la giornata per l'aborto sicuro. Torino 28 settembre 2022 ANSA/TINO ROMANO

I Centri Antiviolenza in Italia: un sostegno fondamentale per le donne vittime di violenza

In occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, che si celebra il 25 novembre, è importante riflettere sul ruolo dei Centri Antiviolenza (CAV) in Italia. Questi centri, nati negli anni Ottanta, offrono alle donne vittime di violenza un sostegno fondamentale, fornendo loro l’ascolto, la solidarietà e l’assistenza di cui hanno bisogno. Ma quanti sono i CAV presenti nel nostro paese? Quante donne vi lavorano e quali risorse finanziarie hanno a disposizione?

Attualmente in Italia sono attive 716 strutture antiviolenza, di cui 350 sono Centri Antiviolenza e 366 sono Case Rifugio per donne maltrattate. Queste strutture, che operano a livello pubblico e privato non profit, offrono servizi specializzati di accoglienza e sostegno alle donne vittime di violenza. Inoltre, sono collegati h24 al numero telefonico 1522, che rappresenta un punto di riferimento per le donne in difficoltà. Tuttavia, è importante considerare che il numero di CAV varia da regione a regione e che il tasso medio di CAV ogni 10.000 donne in Italia è pari a 0,1.

Nei Centri Antiviolenza lavorano figure specializzate che offrono supporto alle donne vittime di violenza. Queste professioniste, spesso volontarie, forniscono un ambiente sicuro e un ascolto attento alle esigenze delle vittime. Attraverso colloqui e consulenze specifiche, le donne possono ricevere assistenza da psicologhe, avvocate, mediche e altre esperte. Inoltre, i Centri Antiviolenza offrono anche forme di auto mutuo aiuto, permettendo alle donne di condividere le proprie esperienze e trovare sostegno reciproco.

Il sostegno ai Centri Antiviolenza è fondamentale per garantire la protezione delle donne vittime di violenza. Tuttavia, il finanziamento di queste strutture rappresenta ancora una sfida. Sebbene negli anni siano aumentati i fondi pubblici, spesso le risorse non arrivano in tempi utili. Pertanto, il sistema antiviolenza si basa sul contributo operativo delle volontarie e sull’apporto economico e organizzativo del secondo welfare, che integra i finanziamenti pubblici. È grazie a questo impegno che i Centri Antiviolenza possono continuare a svolgere il loro importante lavoro.

È importante sottolineare che dietro i casi di femminicidio che spesso occupano le prime pagine dei giornali, si nasconde una realtà fatta di violenze fisiche e psicologiche che spesso passano inosservate. Le donne che lavorano nei Centri Antiviolenza si trovano ad affrontare situazioni di grande sofferenza, ambiguità e denunce ritirate. Spesso, queste strutture sono a rischio di sfratto o ricevono finanziamenti insufficienti. Tuttavia, nonostante le difficoltà, continuano a svolgere un lavoro fondamentale per la tutela delle donne.

Come afferma Lea Melandri, giornalista e attivista femminista, i Centri Antiviolenza hanno molto da dire sulla violenza di genere. Attraverso il lavoro di ascolto e supporto alle donne, queste strutture contribuiscono a portare alla luce le contraddizioni di un sistema che perpetua rapporti di potere e sfruttamento. Grazie alla parola e alla relazione tra donne, i Centri Antiviolenza possono offrire un sostegno concreto alle vittime di violenza e contribuire alla lotta per la liberazione delle donne.

In conclusione, i Centri Antiviolenza rappresentano un punto di riferimento essenziale per le donne vittime di violenza in Italia. Nonostante le sfide finanziarie e organizzative, queste strutture continuano a svolgere un lavoro fondamentale per garantire la protezione e il sostegno alle donne in difficoltà. È importante valorizzare il loro impegno e assicurare che abbiano le risorse necessarie per continuare a svolgere il loro importante lavoro.