Questo borgo nascosto nella costiera amalfitana affaccia sul mare ed è il più suggestivo di Italia: che aspetti a visitarlo

Borgo di Albori, costiera amalfitana - Tendenzediviaggio.it

Borgo di Albori, costiera amalfitana - Tendenzediviaggio.it (Fonte Adobe Stock)

Vieni a scoprire lo stupendo borgo di Albori, gemma incastonata nella costiera amalfitana: i suoi scorci lasciano senza fiato.

Nel mezzo della splendida costiera amalfitana sorge un autentico gioiello: si tratta dell’incantevole borgo di Albori, un luogo in cui il tempo sembra essersi cristallizzato e che incanta i visitatori per la sua autenticità e bellezza.

Situato a 264 metri sul livello del mare, Albori è una frazione di Vietri sul Mare, altresì conosciuta come “prima perla della costiera” per le sue ceramiche e le case tipiche, località che mixa sapientemente un ricco e caloroso entroterra con spaccati naturali da cartolina.

Se hai intenzione di concederti una gita sulla costiera amalfitana, non puoi perderti questa chicca: una sosta ad Albori ti ricaricherà le pile lontano dallo stress delle grandi città, e potrai immergerti completamente negli usi e costumi del posto.

Per non parlare della ricca offerta enogastronomica e dell’accoglienza degli autoctoni, amichevoli e genuini: ecco perché vale la pena di visitare questo borgo a picco sul mare.

Alla scoperta di Albori, la gemma della costiera amalfitana

Albori si erge su un’insenatura che si proietta sulla costiera amalfitana e che offre una vista mozzafiato sul mare e sulle alture circostanti: la sua posizione offre infatti un panorama unico, dove il blu dell’acqua si fonde con il verde della vegetazione lussureggiante.

Il borgo è contraddistinto da case bianche e curate a strapiombo sul mare, spesso impreziosite da rigogliosi fiori colorati e profumati. I vicoli, che si snodano e intersecano tra di loro, sono intervallati da suggestive volte e, passo dopo passo, si arriva all’ incantevole Chiesa di Santa Margherita, circondata da edifici in pieno stile mediterraneo costruiti in calce e pietra. Per gli amanti dello shopping, inoltre, è possibile aggirarsi tra i mercatini e ammirare la rinomate ceramiche di Vietri, che non rappresentano solamente elementi decorativi di pregio, ma ritornano anche sui piatti offerti dai ristoratori locali, particolare che aggiunge un tocco di colore alla ricca tradizione culinaria della zona.

Borgo di Albori - Tendenzediviaggio.it
Borgo di Albori – Tendenzediviaggio.it (Fonte Adobe Stock)

Cosa mangiare nel borgo di Albori

La tradizione enogastronomica di Albori mescola sapientemente  elementi della terra e del mare: non mancano infatti i frequenti abbinamenti tra pesce fresco e frutta e verdura della zona, come i limoni grossi e profumati, nonché le spezie coltivate sulle soleggiate terrazze del territorio.

Non si può lasciare il borgo di Albori senza aver assaggiato la colatura di alici di Cetara, un condimento unico nel suo genere, o la tradizionale pasta e fagioli con le cozze, per non parlare del polpo alla luciana. I più golosi possono infine concludere il pasto con la delizia al limone, un tuffo nella dolcezza aspra del territorio che al palato risulta soffice, fresco e molto aromatico.