Spaghetti Against the Apocalypse: tra moda fluo e grafiche perfette per l’apocalisse

Un posto di speranza per tutti i sognatori e i “freak”, un posto dove puoi essere chi vuoi senza giudizi e paure, dove la perfezione non esiste” tra i colori dal sapore anni ’90 e le grafiche “kawaii” Spaghetti Against the Apocalypse diventa un punto di riferimento per tutti gli amanti dell’hand-made Italiano: infatti il dinamico brand ideato da Francilla produce a mano ed in pochi pezzi tutto quello che viene venduto sul sito, donando ai propri capi e accessori un’aura di vera e propria unicità. tag: Moda fluo

Moda Fluo: Spaghetti Against The Apocalypse spopola sui social

Per trovare tutti i prodotti di Spaghetti Against the Apocalypse, il sito web propone un e-commerce dove poter spulciare tutti i capi del brand, dalle magliette ai calzini con i piatti di pasta fino ad arrivare ai fantastici one-off vintage prodotti per speciali “limited edition“: ma tra piatti di spaghetti alieni e piccoli Godzilla, tutti i prodotti di “Spaghetti” diventano limited edition per chi è in grado di apprezzare le note peculiari del brand, che ingloba i piccoli difetti dati dalla produzione completamente artigianale come se fossero delle vere e proprie “feature“.

moda fluo

Difetti che non sono da levigare ed eliminare, ma che conferiscono al brand di Spaghetti Against the Apocalypse una sua speciale unicità, rendendolo una contro-tendenza nel mondo della moda, facendolo diventare il brand perfetto per chi vuole qualcosa di davvero unico e non scontato. Le dinamiche invenzione di  Spaghetti Against the Apocalypse, oltre che sull’e-commerce, si possono trovare nelle varie fiere ed esposizioni dedicato al mercato del vintage, come quello avvenuto negli ultimi giorni al Vintage Market di Piazza Ragusa a Roma: basterà avvistare un piatto di spaghetti “ufo” all’interno degli spazi espositivi per entrare nel mondo magico di Francilla e del suo dinamico brand tra grafiche pazzesche, capi di alta qualità ed ovviamente colori fluo.

Emiliano Belmonte
About Author

Emiliano Belmonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *